L'ex vescovo di Cloyne, John Magee

Il 21 luglio le gravi accuse del governo di Dublino. Ieri la risposta ufficiale dal Vaticano: le gerarchie di Roma non hanno «ostacolato» le indagini sui crimini pedofili compiuti da sacerdoti nella diocesi di Cloyne

Federico Tulli

Preoccupazione per le gravi mancanze nel governo della diocesi di Cloyne in Irlanda e il trattamento inadeguato delle accuse di abuso sessuale di bambini e minori da parte di sacerdoti a essa appartenenti, ma deciso rifiuto delle accuse del governo irlandese secondo cui la Santa Sede ha tentato di ostacolare un’inchiesta della magistratura civile. Così, in sintesi, la Sede Apostolica del Vaticano ha risposto con una lettera ufficiale alle gravi accuse mosse a luglio scorso dal premier irlandese Enda Kenny in relazione alle conclusioni del Rapporto Cloyne, l’indagine sui crimini pedofili compiuti da sacerdoti dell’omonima diocesi, garantiti – come ha provato l’inchiesta – dalla copertura del responsabile di allora, il vescovo John Magee.

Il documento è stato consegnato ieri dall’arcivescovo Ettore Balestrero, sottosegretario per i Rapporti con gli Stati, a Helena Kelcher, Incaricato d’Affari dell’Ambasciata d’Irlanda presso la Santa Sede. Oltre alla replica – «non c’è nessuna prova di interferenza negli affari interni dello Stato Irlandese» – esso contiene una dettagliata analisi del Rapporto che il ministro degli Esteri d’Irlanda, Eamon Gilmore ha consegnato, con le considerazioni del Governo irlandese sulla questione, il 14 luglio scorso, all’arcivescovo Giuseppe Leanza, Nunzio apostolico in Irlanda, nel frattempo rimosso dall’incarico e in corso di trasferimento ad altra sede secondo quanto scrive l’Irish Times. Il rapporto ha fatto luce sugli abusi compiuti da 19 sacerdoti tra il 1996 e il 2009, con 40 vittime accertate, e sulle relative coperture che chiamano in causa l’allora vescovo John Magee, ex segretario degli ultimi tre Papi che hanno preceduto Benedetto XVI. Secondo i magistrati, Magee, a capo della diocesi di Cloyne dal 1987, non ha mai adottato alcuna misura per risolvere il problema che emergeva dalle denunce finite sul suo tavolo, esponendo così le vittime a nuovi abusi. Le autorità irlandesi hanno verificato inoltre che il suo comportamento era coerente con gli ordini del Vaticano che nel 1997 aveva inviato un documento ai vescovi dell’isola britannica in cui si ricordava loro di non denunciare i casi di pedofilia alla polizia e di gestirli “internamente”. Ed è proprio su questo punto che verte gran parte della risposta ufficiale annunciata dalla Santa Sede dopo l’attacco a viso aperto contro la gestione vaticana dei numerosi casi di pedofilia clericale sferrato il 21 luglio scorso dal premier Kenny alla Camera dei deputati in Dublino. «La Congregazione per il Clero – ammette la Santa Sede – ha espresso riserve circa l’obbligo di denuncia; non ha però proibito ai vescovi irlandesi di denunciare alle autorità civili le accuse di abuso sessuale sui minori, né ha incoraggiato i vescovi a non osservare la legge». A tale riguardo la nota cita un incontro tra l’allora prefetto della Congregazione, cardinal Dario Castrillo’n Hoyos, e i vescovi d’Irlanda del 12 novembre 1998, in cui il prelato avverte che «la Chiesa, specialmente attraverso i suoi Pastori (i vescovi), non deve in nessun modo porre ostacoli al legittimo cammino della giustizia civile, quando esso è stato avviato da coloro che ne hanno diritto». Fatto sta che dopo il 1998 ben tre inchieste oltre a quella in esame hanno provato la reticenza di diverso vescovi irlandesi nei casi di pedofilia clericale (Rapporto Ferns, 25 ottobre 2005; Rapporto Ryan, 20 maggio 2009; Rapporto Murphy, 26 novembre 2009), e che già da due anni nella contea di Cloyne avvenivano degli abusi segnalati da vittime e familiari al vescovo della diocesi, Magee, senza che fosse preso alcun provvedimento o quanto meno appurata la veridicità delle accuse. Questo ha fatto sì che le violenze si protraessero indisturbate fino al 2009. Una data che coincide con le dimissioni presentate da Magee a papa Benedetto XVI quando l’indagine che lo avrebbe travolto cominciava a prendere forma.

(Pubblicato sul quotidiano Terra)

Annunci
commenti
  1. […] Der Privatsekretär dreier Päpste gilt als der perfideste Unterstützer kath. Pädophelie […]

    Mi piace

  2. […] Der Privatsekretär dreier Päpste gilt als der perfideste Unterstützer kath. Pädophelie […]

    Mi piace

  3. […] Der Privatsekretär dreier Päpste gilt als der perfideste Unterstützer kath. Pädophelie […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...