Don Seppia (Diocesi di Genova) condannato a 9 anni e mezzo per violenza “sessuale”

Pubblicato: 3 maggio 2012 in Notizie d'agenzia
Tag:, ,

Don Riccardo Seppia nel 2011

Era stata un’inchiesta della procura di Milano sull’uso di dopanti e droghe in palestre e discoteche del capoluogo lombardo a portare in carcere, il 13 maggio 2011, don Riccardo Seppia, il parroco genovese condannato oggi a nove anni e sei mesi per violenza sessuale su minore e cessione di droga. I carabinieri del Nas controllando le intercettazioni si erano imbattuti nel sacerdote e ne era nato un nuovo filone d’indagine. La prima ordinanza che aveva mandato in carcere il parroco per violenza sessuale su minore e cessione di stupefacente era stata emessa del gip di Milano Maria Vicidomini. Pochi giorni dopo, con il passaggio dell’inchiesta a Genova, era seguita l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip genovese Annalisa Giacalone per tentata violenza sessuale, cessione di stupefacente, induzione alla prostituzione minorile e detenzione di materiale pedopornografico, accusa, quest’ultima per la quale il gup oggi lo ha però assolto. A mettere nei guai don Seppia erano state le sue relazioni con pusher del capoluogo lombardo, dove frequentava luoghi di appuntamenti gay, come la discoteca Illumined. Insieme alle richieste di droga gli investigatori avevano captato dichiarazioni che riguardavano i minori. In una conversazione don Seppia riferiva all’amico Emanuele Alfano, ex seminarista, anche lui indagato e in carcere, di avere baciato un chierichetto sedicenne. Il ragazzo aveva poi smentito che il bacio fosse avvenuto, Per quanto riguarda il chierichetto, risulta che don Seppia gli abbia telefonato piu’ volte e lo abbia raggiunto con messaggi, invitandolo a venire in parrocchia invece che ad andare a scuola. Si parla anche di ”pacche sul sedere”, ”carezza a una gamba”, ”abbracci”. I messaggi, diretti a maggiorenni, e conditi di bestemmie, sono impressionanti: tra i piu’ soft, quelli in cui si dice di volere ”avere dei ragazzini”, e poi, ”organizziamo orgia da me?”, ”conosci ragazzini”? ”ho voglia di porcate estreme”, ”hai trovato bambino”?. Secondo il legale di don Seppia, l’avvocato Paolo Bonanni spesso il parroco inviava messaggi a piu’ soggetti in completo stato di eccitazione derivante dall’assunzione di stupefacenti, senza probabilmente rendersi conto di cio’ che stesse scrivendo o facendo. Il sacerdote, in preda all’eccitazione sessuale e per il consumo di sostanze, iniziava a inviare messaggi e ad effettuare telefonate dal contenuto pornografico e blasfemo.

La vicenda di don Seppia ha segnato una svolta nel modo in cui la Chiesa affronta scandali come questi. Accusata in passato di scarsa trasparenza e di riluttanza ad ammettere i fatti, la gerarchia ecclesiastica in questa occasione stata fulminea. Il sacerdote e’ finito in carcere il 13 maggio, un venerdi’. La notizia e’ stata appresa sabato. Il giorno stesso l’arcivescovo di Genova (e presidente della Cei), cardinale Angelo Bagnasco, ha sospeso il parroco ed e’ andato nella sua chiesa, quella dello Spirito Santo, in via Calda, a Genova – Sestri Ponente, a celebrare la messa al suo posto. Nell’omelia, dicendo che la notizia era stata ”un fulmine a ciel sereno” e di essere venuto ”a condividere lo sgomento e il dolore del cuore, insieme alla vergogna e alla totale disapprovazione se le gravi accuse risultassero confermate” il cardinale aveva espresso ”sconcerto e dolore per la gravita’ dell’accaduto”, ”piena fiducia nell’operato della magistratura, fraterna vicinanza alle eventuali vittime e ai familiari, rinnovata solidarieta’ alla Comunita’ cristiana cosi’ dolorosamente provata.”

Fonte: Adnkronos

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...