Archivio per aprile, 2011

La rete internazionale dei sopravvissuti agli abusi sessuali da parte dei preti (Snap) ha chiesto che il processo di santificazione di Giovanni Paolo II sia rallentato ricordando che proprio durante il suo pontificato (1978-2005) sono stati commessi la maggior parte dei reati e i tentativi di insabbiamento del fenomeno. Snap ha quindi annunciato la distribuzione tra oggi e domani di volantini di sensibilizzazione sul fenomeno pedofilia davanti alle chiese di 70 città in sette Paesi: Usa, Belgio, Canada, Ecuador, Francia, Olanda e Australia. Intanto in Belgio la scandalo dei preti pedofili continua a registrate nuovi sviluppi. Dopo l’intervista choc in cui l’ex vescovo di Bruges, Roger Vangheluwe, ha ammesso di aver abusato di due suoi nipoti, il giudice istruttore Wim De Troy ha disposto il sequestro della cassetta con la registrazione della videointervista. De Troy sta indagando per verificare la sussistenza del reato di omissione di assistenza a persone in pericolo che potrebbero aver commesso i vertici della Chiesa cattolica belga. Ed anche il procuratore del tribunale di Bruges, Jean-Marie Berkvens, ha deciso di riaprire l’inchiesta a carico di Vangheluwe in seguito a nuovi elementi emersi in relazione ad altri casi di abusi sessuali. (TI)

Annunci

Una rigorosa inchiesta sulla vicenda umana e politica del papa polacco. La storia “segreta” degli ultimi 50 anni del Vaticano. Arrivano in libreria due testi fondamentali per conoscere ciò che tv e stampa non dicono

Federico Tulli

Non c’è solo il volto di Karol Woytjla sofferente negli ultimi giorni di vita o appena ferito dal proiettile sparato da Ali Agca. Impresse nella memoria collettiva dei credenti e (purtroppo) non solo, tramite i bombardamenti a tappeto eseguiti sui media dalla propaganda vaticana per tutta la durata del pontificato di Giovanni Paolo II, sono innumerevoli le istantanee che fanno passare l’idea di un uomo franco, leale, sportivo, moderno e quant’altro. Una macchina oliata ed efficiente che è riuscita ad annullare l’impatto emotivo provocato dagli ammiccamenti di Woytjla ai dittatori fascisti di mezza America Latina. E che non si è fermata, come è ovvio, nemmeno nei giorni che precedono la cerimonia di beatificazione del Primo maggio in piazza S. Pietro. Come è già stato detto, la scelta del manifesto prodotto e affisso ovunque a spese del contribuente romano e su cui campeggia un papa in evidente stato di salute con in braccio un bimbo in fasce, non appare affatto casuale. Essa rientra nella gigantesca operazione di pulizia dell’immagine sia della Chiesa cattolica (offuscata dalle sconvolgenti notizie degli scandali pedofili e dei loro insabbiamenti sistematici avvenuti in tutto il mondo), sia di Karol Wojtyla in particolare, la cui beatificazione è sembrata frettolosa anche all’interno di parte delle gerarchie ecclesiastiche.

A far luce sul livello di credibilità che meritano la Chiesa di Roma e l’uomo che più di ogni altro ne ha segnato le sorti nella seconda metà del XX secolo, fino a incidere sul corso della storia anche al di fuori delle mura vaticane, escono in questi giorni due libri: Wojtyla segreto (Chiarelettere) di Giacomo Galeazzi e Ferruccio Pinotti; e 101 misteri e segreti del Vaticano (Newton Compton) di Claudio Rendina. Testi che puntano la lente su aspetti diversi della vicenda umana e politica del papa polacco e della “sua” Chiesa, ma che insieme contribuiscono a colmare un inquietante vuoto lasciato dalla carta stampata e dai media radiotelevisivi.

La “controinchiesta” del vaticanista Galeazzi e di Pinotti, ad esempio, raccoglie molte

Marcial Maciel Degollado e Giovanni Paolo II

voci critiche anche interne al Vaticano, ostili alla beatificazione ma di fatto mai davvero ascoltate. «È mio dovere elencare i gravi dubbi che non si possono tacere… Mi rendo conto che alcune mie affermazioni sembreranno inaudite. L’ansia con cui molti ambienti lavorano alla beatificazione ha poco di evangelico. Chiedo che Wojtyla sia lasciato al giudizio della storia» osserva in passaggio della deposizione giurata rilasciata il 7 marzo 2007, il teologo Giovanni Franzoni, nel corso del processo di beatificazione di Karol Wojtyla. Oppure ancora ecco cosa dice il 18 dicembre 2009 il cardinale Godfried Danneels, ex arcivescovo di Malines-Bruxelles e primate del Belgio: «Questo processo sta procedendo troppo in fretta. La santità non ha bisogno di corsie preferenziali». Perché tanta fretta? Resta il dubbio di una decisione politica, commentano gli autori. E l’amarezza per i tanti vescovi che hanno combattuto contro regimi feroci, come Wojtyla contro il comunismo, giocandosi la vita. Nel libro si ricorda tra gli altri Oscar Romero, vescovo di San Salvador, trucidato mentre celebrava una messa. Anche lui possibile santo, ma c’è chi si oppone alla sua beatificazione. Cardinali per lo più vicini a Wojtyla e al suo successore Joseph Ratzinger. La fazione vincente. «Oggi in gioco c’è il futuro della Chiesa: da una parte il potere dall’altra il messaggio di Cristo. I fatti dimostrano che con la beatificazione lampo di Wojtyla la Chiesa celebra soprattutto la sua ossessione secolare per il potere». Una considerazione simile scaturisce alla lettura del libro firmato dallo storiografo Rendina. Il quale senza tanti giri di parole e con la chiarezza e precisione che contraddistinguono le sue ricostruzioni, racconta di cardinali corrotti e vescovi mondani, di banchieri e faccendieri, di ladri e assassini, di preti pedofili e cortigiane, e perfino antipapi. Sono questi, spiega, i protagonisti degli innumerevoli segreti che la storia ufficiale del Vaticano da sempre cerca di occultare. Tra le Mura Leonine si nascondono verità scioccanti e in gran parte ancora poco indagate: gli scandali finanziari (Ior, Banco Ambrosiano, i finanziamenti a Solidarność, i rapporti con la Banda della Magliana) e “sessuali” (porporati assassinati in casa di prostitute, i troppi casi accertati di pedofilia), i legami con i poteri occulti e la massoneria, la finta beneficenza per coprire prestiti e usura, il mercimonio degli annullamenti in Sacra Rota. Rendina, grande esperto di Storia della Chiesa, si concentra in particolare sugli ultimi quattro papi, da Paolo VI a Benedetto XVI. Cinquant’anni di pontificato, la metà dei quali sotto Giovanni Paolo II, in cui si sono verificati una serie di scandali che hanno scosso la Chiesa di Roma dalle fondamenta. Ne citiamo uno per tutti “pescando” di nuovo nel libro di Galeazzi e Pinotti. Tra le polemiche più feroci che hanno accompagnato la campagna di beatificazione di Wojtyla c’è quella sulla solidità del suo rapporto con Marcial Maciel Degollado, il sacerdote messicano fondatore dei Legionari di Cristo. «Le voci sui comportamenti pedofili di Maciel risalgono addirittura agli anni Quaranta, dopo la fondazione dei Legionari di Cristo – scrivono i due giornalisti -. Ma le prime accuse arrivano sicuramente in Vaticano nel 1956 e non rimangono del tutto inascoltate, se il sacerdote viene sospeso per due anni. Reintegrato nelle sue funzioni, dopo un lungo silenzio è di nuovo oggetto di un esposto alla Santa sede, questa volta inoltrato da un ex responsabile della congregazione negli Stati Uniti. Siamo nel 1978, e sulla cattedra di Pietro siede Wojtyla. Non accade niente per dieci anni, finché nel 1989 le stesse accuse vengono ripresentate, di nuovo per via riservata, ma ancora non riescono ad abbattere il muro di difesa che evidentemente in Vaticano è stato alzato intorno alla figura di Marcial Maciel. A questo punto, nel 1997, la denuncia diventa pubblica. La stampa fa da cassa di risonanza alle voci di alcuni ex membri ed ex alunni dei seminari dei Legionari di Cristo, che accusano il fondatore di abusi sessuali compiuti su loro stessi e su altri ragazzi». Ma finché Wojtyla è in vita non accade nulla. La congregazione conta decine di migliaia di adepti, anche “laici”, che ovunque nel mondo fondano e gestiscono scuole e università. I Legionari sono una formidabile fonte di denaro. Poco importa se la loro opera si sviluppi sulla pelle di donne e bambini violentate dal fondatore e dai suoi dipendenti. Essa è decisamente funzionale al potere di Giovanni Paolo II che un anno prima di morire, nel 2004, elogia pubblicamente Maciel durante una solenne cerimonia. Bisognerà attendere il 2006 prima che l’ultra ottuagenario prete messicano sia sospeso a divinis da Benedetto XVI e invitato ad una vita riservata di preghiera e di penitenza e alla rinuncia ad ogni ministero pubblico. Decisamente tardiva la mossa di Ratzinger che per 22 anni da capo della Congregazione per la dottrina della fede (tutti sotto il pontificato di Woytjla) aveva eluso qualsiasi richiesta di processare Maciel.

left 17/2011

L’11 maggio la Cassazione potrebbe mettere la parola fine sul caso di don Bertagna. Nel 2006 confessò abusi e violenze su 38 bambini e adolescenti

Federico Tulli

La capacità di guadagnarsi la fiducia della vittima e sostituirsi gradualmente alle sue ideali figure di riferimento, prima di passare all’azione e violentarla, è un segno tipico nell’identikit di qualsiasi pedofilo. Altrettanto ricorrente nel suo “profilo” è la lucida razionalità mediante la quale il “cacciatore” di bambini si organizza la vita in funzione del proprio scopo. Non di rado la cronaca racconta dell’arresto di un istruttore sportivo, di un maestro elementare, di un parente o un amico di famiglia con l’hobby del baby sitter che «era tanto affettuoso e sembrava una brava persona». Questi “vincoli” affettivi costruiti a tavolino rendono quasi impossibile per la piccola vittima riuscire a denunciare il proprio carnefice. In ogni caso, l’elaborazione della devastazione psico-fisica subita può richiedere decenni, ma la legge parla chiaro: in Italia il reato cade in prescrizione dopo dieci anni. E poi ci sono i preti. Per loro la sorta di garanzia d’impunità che vale per qualsiasi pedofilo è resa praticamente certa dal fatto che la Chiesa cattolica, ponendosi al di sopra delle leggi degli Stati, consideri ancora oggi la pedofilia un peccato e non un crimine. Questo spiega perché a fronte della tanto propagandata “tolleranza zero” di Benedetto XVI, si contino sulle dita di una mano i vescovi che nel mondo hanno denunciato all’autorità giudiziaria “civile” un pastore di anime sospettato di abusi.

Quando un prete finisce alla sbarra è solo perché una vittima o i suoi familiari sono riusciti a fare breccia nell’impenetrabile cortina che le gerarchie ecclesiastiche e le leggi vaticane alzano intorno al pedofilo. Se lo scudo protettivo cade, oltre alla mostruosità del contesto appena descritto non di rado emerge la serialità con cui è stato compiuto il crimine. A quanto detto combacia perfettamente tutta la storia di don Pierangelo Bertagna l’ex parroco dell’abazia di Farneta (nel comune di Cortona in Toscana) reo confesso di abusi su 38 vittime, alcune delle quali non avevano nemmeno 10 anni. Giuridicamente parlando la vicenda – che left segue sin dal n.16 del 2006 -, volgerà definitivamente al termine l’11 maggio prossimo. Giorno in cui si riunisce la III sezione della Corte di Cassazione per valutare il ricorso dei suoi difensori dopo la condanna in appello a 8 anni di reclusione inflitta dai giudici di Firenze nel 2010, che a sua volta avevano confermato quella del gup di Arezzo comminata nel 2006. In attesa che sia messa la parola fine e la sentenza passi in giudicato, e nella “speranza” che chi di dovere (non solo il Vaticano) ricavi dalla vicenda Bertagna gli elementi per rimodulare l’approccio e quindi l’opera di prevenzione dei crimini pedofili, ripercorriamo brevemente alcune tappe significative.

Il caso dell’ex abate è scoppiato nell’estate del 2005, quando i genitori di un tredicenne lo denunciarono ai carabinieri. Dopo una prima ribellione da parte della comunità locale che considerava l’abate un santo, l’apertura delle indagini produsse in poco tempo una sorta di effetto domino, con una catena di esposti presentati dalle famiglie di altri 15 bambini tutti appartenenti alla stessa parrocchia di Farneta, a lui affidati a vario titolo. Le indagini, condotte dal pm di Arezzo Ersilia Spena, portarono quindi all’arresto del religioso che nel corso dei diversi interrogatori arrivò a confessare altri 22 abusi compiuti prima di diventare sacerdote all’età di 39 anni. Crimini, questi, avvenuti in seminario, e presso le comunità che aveva frequentato nel nord Italia. Un violentatore seriale che, si legge nella sentenza di primo grado, «non cercava mai rapporti paritetici, ma si approcciava sempre a soggetti in stato di inferiorità (fisica, di età, di condizione) cercando di possedere e dominare l’oggetto» delle sue “attenzioni”. Occasioni che Bertagna, oggi cinquantenne, si procurava con «lucidità», «creando le situazioni in cui rimaneva solo con i minori, in genere a lui affidati da ignari genitori». «In definitiva – cita ancora il testo – è risultato essere sempre lucidissimo nell’esecuzione dei crimini, dimostrando con ciò di saper bene controllare i suoi impulsi parafilici quando le circostanze sconsigliavano di agire. E tale lucidità è comprovata da diversi episodi». C’è poco altro da aggiungere, se non che in seguito alla sospensione a divinis avvenuta nel 2006 dopo le prime confessioni, era stato annunciato nei confronti di Bertagna anche il processo penale amministrativo «secondo le disposizione ecclesiastiche». Ma questo è decaduto dopo la concessione della dispensa dal sacerdozio ottenuta da Benedetto XVI. Dove sia oggi Pierangelo Bertagna non è certo. “Voci” non verificate lo davano agli arresti domiciliari in un convento o in un’abbazia del centro Italia, a meditare in vista della sentenza definitiva.

**

Il caso

Il Vaticano alla sbarra

Negli anni Sessanta, la Santa Sede approvò il trasferimento dall’Irlanda a Chicago e poi a Portland di un sacerdote pedofilo, Andrew Ronan, rendendosi in questo modo corresponsabile dei suoi crimini. Per questo motivo Jeff Anderson, avvocato di una vittima, nel 2010 ha citato in giudizio il Vaticano presso il tribunale di Portland nell’Oregon. La scorsa settimana, decidendo di non esprimersi sull’istanza e rimettendo la palla in mano al tribunale di Portland, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha dato il nulla osta all’eventualità di un processo contro la Santa Sede. Non è questo l’unico caso di spicco che oppone il Vaticano ad Anderson (che a gennaio ha aperto anche uno studio a Londra per tutelare le vittime britanniche). Nei giorni scorsi, il testo di una denuncia contro papa Benedetto XVI e i cardinali Angelo Sodano e Tarcisio Bertone, a nome di un uomo che dice di essere stato vittima di un prete pedofilo, è stato consegnato al Vaticano attraverso i canali diplomatici ufficiali. Lo sostiene Andreson, legale dell’uomo, secondo cui un precedente tentativo dello stesso tipo era andato a vuoto, dato che l’assessore per gli affari generali del Segretariato di Stato, monsignor Brian Wells, aveva respinto al mittente la busta consegnatagli da un corriere, definendola «indesiderata». L’uomo che ha sporto denuncia, Terry Kohut, di Chicago, è una delle vittime in Wisconsin di padre Lawrence Murphy, reo confesso di oltre 200 crimini pedofili in un collegio per sordomuti di Milwaukee negli anni Settanta. Anderson sostiene che Joseph Ratzinger e i cardinali Sodano e Bertone (all’epoca ai vertici della Congregazione per la dottrina della fede), devono essere considerati legalmente responsabili per le molestie, poiché il Vaticano non prese a suo tempo le misure necessarie per neutralizzare i preti pedofili. f.t.

left 17/2011

La beatificazione di papa Giovanni Paolo II? È solo un’«operazione di marketing» ed una delle «feste di canonizzazione dei santi costruiti dal potere». Questa l’opinione-choc, affidata ad una nota, del sacerdote della comunità di base fiorentina delle Piagge, don Alessandro Santoro. Il prete di frontiera, che circa due anni fa fu per alcuni mesi sollevato dal suo incarico per aver celebrato, contro l’esplicita volontà della Curia, il matrimonio religioso tra Sandra Alvino, nata uomo e poi diventata donna dopo aver cambiato sesso, e Fortunato Talotta, denuncia oggi come, con il processo di beatificazione avviato dalla Chiesa, Papa Wojtyla sia stato «usato per un’operazione di marketing religioso». Don Santoro non si ferma qui ed avanza anche numerose e dure critiche all’operato dello stesso Giovanni Paolo II. «Pur riconoscendogli un amore appassionato per la Chiesa – spiega nel comunicato – ha negli anni del suo pontificato compiuto gesti quanto meno discutibili, come aver dato la mano e la Comunione a dittatori come Pinochet, aver martoriato e condannato la Teologia della Liberazione, aver eretto la prelatura personale dell’Opus Dei e poi aver beatificato il suo fondatore e sostenitore franchista Josè Maria Escrivà, aver insabbiato le nefandezze e la pedofilia del fondatore e capo indiscusso della Congregazione dei Legionari di Cristo Marcel Maciel, lasciare solo Mons. Oscar Romero, venuto a Roma nel 1979 per chiedere aiuto e sostegno, appena un anno prima del suo assassinio» (Y2G-GRO)

Giovanni Paolo II con padre Maciel fondatore dei Legionari di Cristo

Una rigorosa inchiesta sulla vicenda umana e politica del papa polacco. La storia “segreta” degli ultimi 50 anni del Vaticano. Arrivano in libreria due testi fondamentali per conoscere ciò che tv e stampa non dicono

Federico Tulli

Non c’è solo il volto di Karol Wojtyla sofferente negli ultimi giorni di vita o appena ferito dal proiettile sparato da Ali Agca. Impresse nella memoria collettiva dei credenti e (purtroppo) non solo, tramite i bombardamenti a tappeto eseguiti sui media dalla propaganda vaticana per tutta la durata del pontificato di Giovanni Paolo II, sono innumerevoli le istantanee che fanno passare l’idea di un uomo franco, leale, sportivo, moderno e quant’altro. Una macchina oliata ed efficiente che è riuscita ad annullare l’impatto emotivo provocato dagli ammiccamenti di Wojtyla ai dittatori fascisti di mezza America Latina. E che non si è fermata, come è ovvio, nemmeno nei giorni che precedono la cerimonia di beatificazione del primo maggio in piazza S. Pietro. Come è già stato detto, la scelta del manifesto prodotto e affisso ovunque a spese del contribuente romano e su cui campeggia un papa in evidente stato di salute con in braccio un bimbo in fasce, non appare affatto casuale. Essa rientra nella gigantesca operazione di pulizia dell’immagine sia della Chiesa cattolica (offuscata dalle sconvolgenti notizie degli scandali pedofili e dei loro insabbiamenti sistematici avvenuti in tutto il mondo), sia di Karol Wojtyla in particolare, la cui beatificazione è sembrata frettolosa anche all’interno di parte delle gerarchie ecclesiastiche. A far luce sul livello di credibilità che meritano la Chiesa di Roma e l’uomo che più di ogni altro ne ha segnato le sorti nella seconda metà del XX secolo, fino a incidere sul corso della storia anche al di fuori delle mura vaticane, escono in questi giorni due libri: Wojtyla segreto (Chiarelettere) di Giacomo Galeazzi e Ferruccio Pinotti; e 101 misteri e segreti del Vaticano (Newton Compton) di Claudio Rendina. Testi che puntano la lente su aspetti diversi della vicenda umana e politica del papa polacco e della “sua” Chiesa, ma che insieme contribuiscono a colmare un inquietante vuoto lasciato dalla carta stampata e dai media radiotelevisivi.

La “controinchiesta” del vaticanista Galeazzi e di Pinotti, ad esempio, raccoglie molte voci critiche anche interne al Vaticano, ostili alla beatificazione ma di fatto mai davvero ascoltate. «È mio dovere elencare i gravi dubbi che non si possono tacere… Mi rendo conto che alcune mie affermazioni sembreranno inaudite. L’ansia con cui molti ambienti lavorano alla beatificazione ha poco di evangelico. Chiedo che Wojtyla sia lasciato al giudizio della storia» osserva in un passaggio della deposizione giurata rilasciata il 7 marzo 2007, il teologo Giovanni Franzoni, nel corso del processo di beatificazione di Karol Wojtyla. Oppure ancora ecco cosa dice il 18 dicembre 2009 il cardinale Godfried Danneels, ex arcivescovo di Malines-Bruxelles e primate del Belgio: «Questo processo sta procedendo troppo in fretta. La santità non ha bisogno di corsie preferenziali». Perché allora tanta fretta? Resta il dubbio di una decisione politica, commentano gli autori. E l’amarezza per i tanti vescovi che hanno combattuto contro regimi feroci, come Wojtyla contro il comunismo, giocandosi la vita. Nel libro si ricorda tra gli altri Oscar Romero, vescovo di San Salvador, trucidato mentre celebrava una messa. Anche lui possibile santo, ma c’è chi si oppone alla sua beatificazione. Cardinali per lo più vicini a Wojtyla e al suo successore Joseph Ratzinger. La fazione vincente. «Oggi in gioco c’è il futuro della Chiesa: da una parte il potere dall’altra il messaggio di Cristo. I fatti dimostrano che con la beatificazione lampo di Wojtyla la Chiesa celebra soprattutto la sua ossessione secolare per il potere». Una considerazione simile scaturisce alla lettura del libro firmato dallo storiografo Rendina. Il quale senza tanti giri di parole e con la chiarezza e precisione che contraddistinguono le sue ricostruzioni, racconta di cardinali corrotti e vescovi mondani, di banchieri e faccendieri, di ladri e assassini, di preti pedofili e cortigiane, e perfino antipapi. Sono questi, spiega, i protagonisti degli innumerevoli segreti che la storia ufficiale del Vaticano da sempre cerca di occultare. Tra le Mura Leonine si nascondono verità scioccanti e in gran parte ancora poco indagate: gli scandali finanziari (Ior, Banco Ambrosiano, i finanziamenti a Solidarno, i rapporti con la Banda della Magliana) e “sessuali” (porporati assassinati in casa di prostitute, i troppi casi accertati di pedofilia), i legami con i poteri occulti e la massoneria, la finta beneficenza per coprire prestiti e usura, il mercimonio degli annullamenti in Sacra Rota. Rendina, grande esperto di Storia della Chiesa, si concentra in particolare sugli ultimi quattro papi, da Paolo VI a Benedetto XVI. Cinquant’anni di pontificato,

la metà dei quali sotto Giovanni Paolo II, in cui si sono verificati una serie di scandali che hanno scosso la Chiesa di Roma dalle fondamenta. Ne citiamo uno per tutti “pescando” di nuovo nel libro di Galeazzi e Pinotti. Tra le polemiche più feroci che hanno accompagnato la campagna di beatificazione di Wojtyla c’è quella sulla solidità del suo rapporto con Marcial Maciel Degollado, il sacerdote messicano fondatore dei Legionari di Cristo. «Le voci sui comportamenti pedofili di Maciel risalgono addirittura agli anni Quaranta, dopo la fondazione dei Legionari di Cristo – scrivono i due giornalisti -. Ma le prime accuse arrivano sicuramente in Vaticano nel 1956 e non rimangono del tutto inascoltate, se il sacerdote viene sospeso per due anni. Reintegrato nelle sue funzioni, dopo un lungo silenzio è di nuovo oggetto di un esposto alla Santa sede, questa volta inoltrato da un ex responsabile della congregazione negli Stati Uniti. Siamo nel 1978, e sulla cattedra di Pietro siede Wojtyla. Non accade niente per dieci anni, finché nel 1989 le stesse accuse vengono ripresentate, di nuovo per via riservata, ma ancora non riescono ad abbattere il muro di difesa che evidentemente in Vaticano è stato alzato intorno alla figura di Marcial Maciel. A questo punto, nel 1997, la denuncia diventa pubblica. La stampa fa da cassa di risonanza alle voci di alcuni ex membri ed ex alunni dei seminari dei Legionari di Cristo, che accusano il fondatore di abusi sessuali compiuti su loro stessi e su altri ragazzi». Ma finché Wojtyla è in vita non accade nulla. La congregazione conta decine di migliaia di adepti, anche “laici”, che ovunque nel mondo fondano e gestiscono scuole e università. I Legionari sono una formidabile fonte di denaro. Poco importa se la loro opera si sviluppi sulla pelle di donne e bambini violentate dal fondatore e dai suoi dipendenti. Essa è decisamente funzionale al potere di Giovanni Paolo II che un anno prima di morire, nel 2004, elogia pubblicamente Maciel durante una solenne cerimonia. Bisognerà attendere il 2006 prima che l’ultra ottuagenario prete messicano sia sospeso a divinis da Benedetto XVI, invitato ad una vita riservata di preghiera e di penitenza e alla rinuncia ad ogni ministero pubblico. Decisamente tardiva la mossa di Ratzinger che per 22 anni da capo della Congregazione per la dottrina della fede (tutti sotto il pontificato di Wojtyla) aveva eluso qualsiasi richiesta di processare Maciel.

left 17/2011

L’avvocato Walter Van Steenbrugge, difensore di decine di vittime di abusi sessuali da parte di preti pedofili in Belgio, è pronto a citare in giudizio il Vaticano per «colpevole negligenza». Lo afferma lo stesso legale in un’intervista al quotidiano Le Soir. «La citazione a comparire – spiega l’avvocato – sarà pronta questo fine settimana. È rivolta alla Santa Sede e a molteplici persone fisiche in Belgio, in base alla loro responsabilità civile, all’esame del loro atteggiamento di fronte agli abusi sessuali, tanto all’epoca in cui sono stati commessi quanto oggi». Secondo quanto anticipato dal legale, la citazione si basa, in particolare, «sull’atteggiamento e i commenti recenti del Papa, dell’arcivescovo Leonard (ndr primate del Belgio), dei vescovi, di fronte ai crimini commessi da preti e religiosi». «Parlo di testi precisi, ufficiali, che risalgono perfino al Concilio Vaticano II, ma anche – aggiunge l’avvocato – alle dichiarazioni recenti di Ratzinger e di Leonard, che pretendono di combattere gli abusi sessuali, quando hanno fatto tutto il contrario, proteggendo gli abusanti, felicitandosi con i protettori e scomunicando coloro che denunciavano i fatti». L’avvocato, nell’intervista, precisa che la citazione davanti alla giustizia civile è un’iniziativa delle stesse vittime. Walter Van Steenbrugge difende anche il nipote del vescovo pedofilo Roger Wangheluwe. Intanto il Parlamento federale belga ha deciso di nominare degli esperti in vista della creazione di un tribunale arbitrale per rispondere alle attese delle vittime dei preti pedofili. (PUC)

Ad appena 48 ore dalla creazione da parte della Chiesa cilena del Consiglio Nazionale per la Prevenzione degli abusi contro i minorenni, al suo sito web sono pervenute due denunce contro presunti abusi sessuali di altrettanti sacerdoti. Lo ha reso noto oggi, il presidente dell’organismo, mons. Alejandro Goic, arcivescovo di Rancagua. L’alto prelato ha precisato che le denunce sono state inoltrate alle diocesi di competenza e che è stato comunicato alle presunte vittime che hanno il diritto di presentare le stesse denunce alla giustizia civile. Mons. Goic ha anche sottolineato: «Parlo con umiltà e dolore perché la maggioranza delle vittime sono membri della Chiesa così come lo è chi ha abusato di loro. Pertanto, la Chiesa nel suo insieme è stata, da una parte vittima, ma anche colpevole di abusi». (YOY)

La Corte d’Appello di Caltanissetta ha confermato la condanna a sei anni di reclusione per padre Luigi Butera, 44 anni, il sacerdote originario di Menfi (Agrigento) accusato di avere abusato di un ragazzo disabile di 15 anni, ospite del Villaggio del Fanciullo di Pergusa (Enna). Gli abusi, risalenti a 14 anni fa, sarebbero avvenuti proprio nella struttura di accoglienza dove il religioso, appartenente all’ordine dei frati minori, lavorava come educatore. La Corte d’Appello ha anche confermato le pene accessorie quali l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, quella legale per la durata della pena e l’interdizione perpetua da qualunque ufficio attinente tutela e curatela, da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché da ogni servizio in istituzioni, strutture pubbliche o private frequentate da minori. Il tribunale di Enna aveva già condannato l’imputato ad una pena superiore a quella richiesta dal pubblico ministero, che aveva sollecitato 4 anni di reclusione; il frate era stato invece assolto «perché il fatto non sussiste» dall’accusa di abusi su un altro ragazzo, per la mancanza di riscontri probatori alle dichiarazioni del giovane. (YUR-NU/GIM)

L’episcopato cileno ha pubblicato il Protocollo da usare in tutte le diocesi e strutture ecclesiali di fronte «alle denunce contro clerici per abusi nei confronti di minorenni». Inoltre, i vescovi hanno annunciato la costituzione di una Commissione speciale, presieduta dal vescovo di Rancagua, monsignor Alejandro Goic, e integrata da altri prelati, un avvocato e la direttrice della Commissione per la protezione dell’infanzia vulnerabile. La decisione dei presuli, di cui da’ notizia la Radio Vaticana, è un ulteriore passo «nell’obbligo di proteggere i minorenni ed evitare gli abusi sessuali», ha precisato in conferenza stampa monsignor Santiago Silva, segretario della Conferenza episcopale. Nella nota dei vescovi si legge che «il consiglio della Commissione ha come compito di orientare e dirigere le politiche di prevenzione degli abusi sessuali così come di offrire aiuto alle vittime». Il Protocollo pubblicato oggi, in realtà, aggiorna un testo base già approvato nel 2003, seguendo e applicando le nuove norme allora emanate dalla Santa Sede. Secondo le norme e modalità aggiornate ora sono diversi e numerosi i canali dai quali si possono ricevere notizie e denunce su abusi. Sarà anche possibile, prima dell’intervento del promotore di giustizia, affidare le prima indagine ad un’altra persona, anche laica, dovutamente preparata; si riducono tutti i passaggi burocratici e amministrativi che potrebbero ritardare un’eventuale indagine e si arricchiscono le misure di accompagnamento della vittime. Il Protocollo, che consente d’indagare anche nei casi in cui sia già subentrata la prescrizione, accoglie tutte le norme degli organismi pertinenti della Santa Sede, e ribadisce la totale disponibilità della Chiesa a collaborare con tutti i Tribunali del Paese: viene ricordato che esiste l’obbligo, come nel caso dei direttori di istituzioni educative, di presentare denuncia legale se si viene a conoscenza di casi di abusi. (GR)

La giustizia cilena ha inviato al Vaticano una rogatoria in cui viene chiesto il dossier del processo canonico contro il sacerdote Fernando Karadima, 83 anni, accusato di abusi sessuali nei confronti di alcuni giovani. Lo rendono noto fonti giudiziarie. L’arcivescovado di Santiago e la Nunziatura Apostolica avevano respinto la richiesta in tal senso. Ma la magistrata Jessica Gonzalez, responsabile delle indagini sul caso Karadima, che ha fatto molto scalpore in Cile alla luce della notorietà del sacerdote – tra i più influenti religiosi della Chiesa locale – dopo aver ottenuto il via libera della Corte Suprema, ha inviato a Roma la rogatoria. Gli abusi di cui è accusato il sacerdote risalgono a molti anni fa, e la stessa Congregazione per la Dottrina della Fede, l’organismo del Vaticano che si occupa dei problemi del clero, lo ha ritenuto colpevole, condannandolo a vivere in ritiro. È appunto il relativo dossier che vuole conoscere la giustizia cilena. (RIG-YOY)